le forme
del fare

Inaugurazione sabato 31 ottobre Fabriano

Tutte le iniziative previste dal programma sono ad ingresso gratuito su prenotazione. Per garantire la totale sicurezza, gli eventi sono organizzati in maniera diffusa sia all’interno di Zona Conce sia presso gli spazi limitrofi (Loggiato San Francesco, Palazzo del Podestà, Chiesa Madonna delle Grazie). Inoltre, le conversazioni saranno condivise in diretta streaming sui canali digitali e sui monitor dislocati nelle postazioni esterne (Piazzale antistante l'ingresso di Zona Conce, Sala consiliare del Palazzo del Podestà, Loggiato San Francesco e Archi Bar Ideale).

fare zona

La giornata si apre con un primo momento ufficiale di presentazione del nuovo spazio Zona Conce e della sua risignificazione attraverso la cultura.
Ai saluti istituzionali seguiranno alcuni interventi riguardo l’impatto sul territorio, le prospettive e le opportunità che esso offre.


10:30 - 12:30 / Zona Conce

CONVERSAZIONI FARE ZONA

Presentazione dello spazio ZONA CONCE. Risignificazione di uno spazio in direzione culturale: impatto sul territorio, prospettive e opportunità.

LIVE STREAMING / SCOPRI COME PARTECIPARE


18:30 - 19:30 / Palazzo del Podestà

PENSIERI DI CARTA

Nicola Bultrini, Giulia Ciarapica e Lectio Magistralis di Massimo Onofri. A cura di Alessandro Moscè.

SCOPRI COME PARTECIPARE


fare arte

È l’aspetto legato all’arte e quindi all’inaugurazione della sezione espositiva dedicata ai maestri Quirino Ruggeri ed Edgardo Mannucci, all’inaugurazione delle mostre temporanee di autori contemporanei e alle conversazioni sull’importanza della carta nel mondo dell’arte.


17:00 - 18:30 / Zona Conce

CONVERSAZIONI FARE ARTE

Ettore Favini, Agostino Iacurci, Claudia Losi, Andrea Mastrovito, Sissi e Francesco Simeti. A cura di Marcello Smarrelli. Presentazione del Museo a cura di Arianna Bardelli.

LIVE STREAMING / SCOPRI COME PARTECIPARE


10:00 - 12:00 / Loggiato San Francesco

LABORATORIO FARE ARTE

Folding Comet di Leonardo Petrucci. A cura di Marcello Smarrelli. Max 20 posti

SCOPRI COME PARTECIPARE


18:30 - 21:00 / Zona Conce

MUSEO MANNUCCI - RUGGERI

Apertura al pubblico. Ingresso gratuito su prenotazione (gruppi da 5 persone).

SCOPRI COME PARTECIPARE


dalle 10:30 alle 21:00 / Palazzo del Podestà

MOSTRA CONCORSO “PREMIO MANNUCCI”

A cura di Rotary Altavallesina - Grottefrasassi. 16:30 premiazione dei vincitori. Max 40 posti

SCOPRI COME PARTECIPARE


dalle 10:30 alle 21:00 / Chiesa Madonna delle Grazie

INFIORATA - QUIRINO RUGGERI, Astratto

A cura dell’Ente Palio San Giovanni Battista.

SCOPRI DI PIÙ


fare carta

È il fare attorno alla carta, intesa sia come tradizione dei mastri cartai, presenti con i loro atelier nella struttura, sia come ambito di azione degli ospiti, artisti e artigiani chiamati a condurre laboratori e le conversazioni sul sapere artigianale e creativo legato all’utilizzo e alla produzione della carta.


15:00 - 16:30 / Zona Conce

CONVERSAZIONI FARE CARTA

Conversazioni sul sapere artigianale e creativo dell’utilizzo e produzione della carta: tradizione e innovazione.

LIVE STREAMING / SCOPRI COME PARTECIPARE


10:00 - 18:00 / Loggiato San Francesco

LABORATORI FARE CARTA

WeeKenDoIt Box - Laboratori tematici sulla carta a cura di Pepe Lab in collaborazione con WeeKenDoIt

SCOPRI COME PARTECIPARE


10:30 - 18:30 / Zona Conce

SCUOLA INTERNAZIONALE DEI MESTIERI D'ARTE

Dimostrazioni di incisione su cera e legno, punzonatura delle tele, cucitura della forma e fabbricazione di un foglio di carta.

PRENOTA ORA LA TUA PARTECIPAZIONE


10:30 - 18:30 / Zona Conce

ATELIER TEMPORANEO D’ARTISTA

di Marco Goran Romano.
Dimostrazioni e laboratori

SCOPRI COME PARTECIPARE


fare zona

Conversazione
fare zona

10:30-12:30
Zona Conce

Presentazione Zona Conce
Risignificazione di uno spazio in direzione culturale:
impatto sul territorio, prospettive e opportunità.

EVENTO IN LIVE STREAMING

INTERVENTI

Moderatore
Paolo Notari

Saluti istituzionali
Marco Ottaviani, Presidente Fondazione Carifac
Gabriele Santarelli, Sindaco Comune di Fabriano
Francesco Profumo, Presidente Acri
Giorgio Righetti, Direttore Generale Acri
Francesco Acquaroli, Presidente Regione Marche

Zona Conce
Massimo Pigliapoco, Tonidigrigio

Lo Spazio Zona Conce
Paolo Schicchi e Riccardo Diotallevi, Architetti

City Making: fare spazi per rigenerare territori
Paolo Cottino, Amministratore e direttore tecnico di KCity

Rigenerazione urbana e nuovi spazi di approfondimento
IL CASO DI BASE MILANO
Elena Donaggio. Senior consultant AVANZI

PRENOTAZIONI

Sarà possibile visionare lo streaming anche in presenza nei seguenti punti di interesse della città,
su prenotazione:

Prenota il tuo posto presso Loggiato San Francesco Prenota il tuo posto presso Palazzo del Podestà Prenota il tuo posto presso Bar Ideale

OSPITI

PAOLO NOTARI

Paolo Notari è giornalista pubblicista dal 2006. È stato conduttore e inviato di Unomattina su RAI UNO. In RAI dal 2003, ha collaborato a La Vita in Diretta Raiuno, Sereno Variabile Raidue, Agorà Raitre.  In RADIO RAI ha condotto Baobab, Sabato Sport, Metro' CheckIn. Ha condotto varie rubriche online tra cui quotidiano In Terris.it. Ha vinto il primo premio della Camera di Commercio come Miglior Giornalista Televisivo di Viaggi e Turismo al Festival Internazionale Giornalismo di Perugia. È docente Comunicazione Multimediale presso l’Università di Macerata. È consulente di eventi per la LUISS Guido Carli Roma, per Eventi SVIM e per Regione Marche. È stato direttore della comunicazione Radio TV  Nazionali ARENA SFERISTERIO MC.

GABRIELE SANTARELLI

Nato a Fabriano il 10 giugno del 1977 si è diplomato all'Istituto Tecnico Agrario "Vivarelli" di Fabriano per poi conseguire la Laurea in Scienze Forestali e Ambientali con specializzazione in rimboschimenti produttivi e protettivi alla facoltà di Agraria dell'Università della Tuscia di Viterbo. Ha completato la sua formazione ottenendo infine l'abilitazione europea come tecnico di progettazione del verde. Ha lavorato nel settore della consulenza e progettazione in ambito forestale specializzandosi nella valutazione della stabilità degli alberi e occupandosi di educazione ambientale rivolta agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Ha svolto inoltre l'attività di guida ambientale escursionistica ottenendo l'abilitazione da parte della Regione Marche. Dal 2013 al 2017 è stato collaboratore Parlamentare per il Gruppo del Movimento 5 Stelle nella Commissione Ambiente e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati e dal 2017 ricopre la carica di Sindaco del Comune di Fabriano. Nell'ambito dell'incarico ricoperto nella Giunta dell'Unione Montana Esino Frasassi detiene la delega al Parco della Gola della Rossa e di Frasassi. In questa veste è stato nominato Vicepresidente di Federparchi Marche e dal 2018 è anche componente del Conisglio Direttivo Nazionale dell'associazione. Dal 2019 è consigliere nazionale ANCI.

MARCO OTTAVIANI

Marco Ottaviani nasce a Sassoferrato nel 1961. Si laurea in Medicina e Chirurgia presso L’Università degli Studi di Perugia con specializzazioni in Dermatologia e Venereologia e Dermatologia e Cosmetologia. Ottiene un diploma di perfezionamento presso la Scuola di Specializzazione in Sociologia Sanitaria, Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bologna e un Diploma di Master annuale di II° livello presso l’Università Politecnica delle Marche, Facoltà di Economia e Commercio. Dirige l’Osservatorio Epidemiologico dell’ASL 6 per l’Istituto Superiore di Sanità; è responsabile per la Qualità della Banca degli Occhi della Regione Marche. Già Dirigente Medico di Medicina Generale dell’Ospedale E.Profili di Fabriano dal 1990, è Responsabile dell’U.O.S.D. di Dermatologia di Fabriano dal 2001; è Cofondatore del Centro di Accoglienza Bambini e Famiglie “Edimar” di Fabriano. Diventa Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana nel 2015, membro del Comitato delle Piccole e medie Fondazioni nel 2016 e del Comitato di Indirizzo della Fondazione con il Sud nel 2018. Dal 2017 è Coordinatore del Gruppo di lavoro delle Fondazioni bancarie “Città creative Unesco” presso l’ACRI.

FRANCESCO PROFUMO

Francesco Profumo, classe 1953, è Presidente della Fondazione Compagnia di San Paolo dal maggio 2016. È stato Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca dal novembre 2011 all’aprile 2013 e Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), dall’agosto 2011 al gennaio 2012. Nel 2003, Francesco Profumo è divenuto Preside della Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Torino, Ateneo di cui è stato Rettore tra il 2005 e il 2011. Sempre al Politecnico di Torino, è attualmente Professore Ordinario di Macchine ed Azionamenti Elettrici, mentre è Professore Incaricato all’Università di Bologna. Ad oggi, Francesco Profumo è Presidente della Fondazione Bruno Kessler, Presidente della Fondazione ESMI ESCP Europe/Campus di Torino, Presidente del CDI Italia, Collège des Ingénieurs Italia, membro del CdA della Fondazione Agnelli, membro del Consiglio Scientifico dell’IIT. Tra i vari riconoscimenti, è stato insignito del Lion d’Oro a Torino nel 2008, del Premio Valdo Fusi nel 2011 e del Premio Guido Carli nel 2011. Francesco Profumo è stato nominato Presidente della Fondazione Compagnia di San Paolo in data 9 maggio 2016 e riconfermato il 4 maggio 2020. È inoltre Presidente dell’ACRI (Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio SPA) da maggio 2019.

FRANCESCO ACQUAROLI

Francesco Acquaroli inizia sin da giovanissimo il suo impegno politico, come consigliere comunale di Alleanza Nazionale nella sua città, Potenza Picena. Alle elezioni regionali nelle Marche del 2010 si candida alla carica di consigliere regionale nella lista del Popolo della Libertà a sostegno del candidato presidente Erminio Marinelli, risultando eletto. Aderisce sin dalla sua fondazione a Fratelli d'Italia, lasciando il PdL. Nel 2014 si candida a sindaco di Potenza Picena sostenuto da due liste civiche. L'8 giugno 2014, al ballottaggio, Acquaroli vince diventando il sindaco di Potenza Picena. Alle elezioni politiche del 2018 viene eletto deputato di Fratelli d'Italia e si dimette dalla carica di Sindaco di Potenza Picena; successivamente, entra a far parte della Commissione Finanze della Camera. Per le regionali del 2020 viene proposto dal suo partito come candidato della coalizione di centro-destra e il 22 giugno 2020 Lega Nord e Forza Italia danno il via libera alla sua candidatura. Il 21 settembre vince le elezioni e si insedia come Presidente della Regione Marche.

MASSIMO PIGLIAPOCO

Progettista di strategie e sistemi di comunicazione integrata, docente di strumenti e linguaggi comunicativi. Socio fondatore di Tonidigrigio, Pepelab e impegnato in ambito accademico, da circa 20 anni sono al fianco delle organizzazioni e delle imprese nel loro percorso evolutivo, volto al dialogo e alla consegna del valore. Membro della cabina di regia del Progetto Presente, con sede a La Mole, riconosciuto tra gli asset strategici dal Comune di Ancona, come motore di sviluppo e di relazione nelle politiche socio-culturali della città. Credo nel valore della ricerca, del confronto costante e nei processi partecipati, considero la comunicazione come prima cosa un comportamento, il presupposto per ogni strategia d’identità e di marketing. Amo il viaggio e la ricerca, come motore di cambiamento e come mezzo per entrare a contatto con culture, visioni e stimoli differenti.

PAOLO SCHICCHI

Paolo Schicchi è un architetto e lavora da oltre trenta anni nel campo della progettazione architettonica. Ha progettato e realizzato numerosi interventi di edilizia  residenziale, industriale e terziario. Si occupa di restauro e ristrutturazione edilizia fino alla progettazione di interni che lo ha portato a sviluppare la propria attività anche nel campo del design.

RICCARDO DIOTALLEVI

Riccardo Diotallevi è nato ad Ancona nel 1961. Nella collaborazione ventennale con Elica (primo produttore di cappe per cucina) ha svolto esperienze progettuali in differenti settori: l’architettura, il design di prodotto, l’arte contemporanea e la comunicazione di brand. Il suo progetto della sede -Elica Corporate- a Fabriano (An) è stato selezionato alla -XIII Mostra Internazionale d’Architettura-, La Biennale di Venezia 2012. Nel 2014 fonda DiotalleviDesign, uno studio aperto che ricerca e promuove l’originalità delle idee con progetti per l’industria, gli ambienti e la comunicazione. Nel Design per l’abitare, il camino rotante, Fumotto, prodotto dalla Focotto, è stato selezionato da ADI Design Index 2016 e nell’Exhibition design, l’allestimento della mostra Gravity presso la Galleria Giordani a Milano si è aggiudicato l’ADI Index 2018.

PAOLO COTTINO

Paolo Cottino, urbanista e policy designer, PhD in Pianificazione e politiche pubbliche del territorio allo IUAV di Venezia e titolare dell’Abilitazione Scientifica Nazionale per professore associato nel settore 08/F1 – Pianificazione e progettazione urbanistica e territoriale, ha svolto per un decennio attività di ricerca e insegnamento al Politecnico di Milano. Autore di diversi saggi e pubblicazioni scientifiche nel campo delle politiche urbane, tra cui Competenze possibili (Jacka book, 2009), Attivare risorse nelle periferie (Franco Angeli, 2009), La città imprevista (Eleuthera, 2003 e 2014), è stato recentemente incaricato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del MIBACT quale esperto nazionale di processi di city making. Inoltre, è socio fondatore di KCity, società di professionisti multidisciplinari specializzata nel design strategico per la rigenerazione urbana.

ELENA DONAGGIO

Elena Donaggio è architetto e dottore di Ricerca in Progetti e politiche urbane. Ha partecipato ad attività di ricerca sia nazionali che internazionali. Attualmente è Senior consultant presso ‘Avanzi – Sostenibilità per Azioni’ di Milano. Tra il 2015 e il 2016, ha lavorato nello staff dell’assessorato all’urbanistica del Comune di Milano. Tra il 1999 e il 2014 è stata ricercatore  per l’Istituto per la ricerca sociale. I principali temi di ricerca su cui lavora sono: programmi di rigenerazione urbana e immobiliare, processi partecipativi; analisi e valutazione di politiche urbane; pianificazione strategica; assistenza tecnica e scientifica alla definizione di strategie di sviluppo territoriale e promozione dell’innovazione sociale.

fare zona

Pensieri
di carta

18:30-19:30
Palazzo del Podestà

A cura di Alessandro Mascè

INTERVENTI

Nicola Bultrini - Con Dante in esilio (Ares 2020)
La testimonianza di una realtà storica che ha dell’incredibile: nei luoghi di sofferenza, gli internati si sono ripetutamente rivolti all’arte, in particolare alla Divina Commedia, autentica luce poetica che ha squarciato il buio di una prigionia asfissiante.

Giulia Ciarapica - Una volta è abbastanza (Rizzoli 2019)
L’Italia è uscita dalla guerra. A Casette d’Ete, un borgo dell’entroterra marchigiano, la vita è scandita da albe silenziose e da tramonti che nessuno vede perché a quell’ora sono tutti nei laboratori ad attaccare suole, togliere chiodi, passare il mastice.

Lectio magistralis: Massimo Onofri - Come cambia il romanzo nel terzo millennio
Uno dei maggiori critici italiani ci spiega come si evolve il genere del romanzo: narrazioni plurime o prosa plurale? Che secolo è stato, in Italia, il Novecento? Che vie ha intrapreso? E oggi, dove stiamo andando?

PRENOTAZIONI

Partecipazione gratuita su prenotazione. Max 50 posti

PRENOTA ORA IL TUO POSTO

OSPITI

ALESSANDRO MOSCÈ

Alessandro Moscè è nato ad Ancona nel 1969 e vive a Fabriano. Si occupa di letteratura italiana. Ha pubblicato le raccolte poetiche L’odore dei vicoli (I Quaderni del Battello Ebbro 2005), Stanze all’aperto (Moretti & Vitali 2008, finalista al Premio Metauro), Hotel della notte (Aragno 2013, Premio San Tommaso D’Aquino), la plaquette in e-book Finché l’alba non rischiara le ringhiere (Laboratori Poesia 2017) e La vestaglia del padre (Aragno 2019). E’ presente in varie antologie e riviste italiane e straniere. I suoi libri di poesia sono tradotti in Francia, Spagna, Romania, Venezuela, Stati Uniti, Argentina e Messico. Ha pubblicato il saggio narrato Il viaggiatore residente (Cattedrale 2009) e i romanzi Il talento della malattia (Avagliano 2012), L’età bianca (Avagliano 2016, finalista al Premio Onor d’Agobbio), Gli ultimi giorni di Anita Ekberg (Melville 2018, finalista al Premio Flaiano). Ha dato alle stampe l’antologia di poeti italiani contemporanei Lirici e visionari (Il lavoro editoriale 2003); i libri di saggi critici Luoghi del Novecento (Marsilio 2004), Tra due secoli (Neftasia 2007), Galleria del millennio (Raffaelli 2016), Alberto Bevilacqua. Materna parola (Il Rio 2020) e l’antologia di poeti italiani del secondo Novecento, tradotta negli Stati Uniti, The new italian poetry (Gradiva 2006). Si occupa di critica letteraria su vari giornali, tra cui il quotidiano “Il Foglio”. Ha ideato il periodico di arte e letteratura “Prospettiva” e dirige il Premio Nazionale di Narrativa e Poesia “Città di Fabriano”.

NICOLA BULTRINI

Nicola Bultrini (1965) ha pubblicato le raccolte di versi I fatti salienti (Nordpress 2007), La coda dell’occhio (Marietti 2011), La specie dominante (Aragno 2014), La forma di tutti (CapireEdizioni 2019). Con Mauro Cicarè ha dato alle stampe La grande adunanza (CapireEdizioni 2018), la prima graphic novel dedicata al mondo della poesia. È autore di vari saggi, tra cui Gli ultimi. I sopravvissuti ancora in vita raccontano la grande guerra (Nordpress 2005), La grande guerra nel cinema (Nordpress 2008), Con Pianto di pietra. La grande guerra di Giuseppe Ungaretti (Iacobelli Editore 2018), Dante in esilio. La poesia e l’arte nei luoghi di prigionia (Ares 2020). Scrive per i quotidiani “Il Tempo” e “L’Osservatore Romano”.

GIULIA CIARAPICA

Giulia Ciarapica (1989) è blogger culturale. Nel 2018 ha pubblicato con Cesati Editore il saggio Book blogger. Scrivere di libri in rete: come, dove, perché. Nel 2019 esordisce nella narrativa con Una volta è abbastanza, primo volume di una trilogia edita da Rizzoli. Tiene laboratori di Book blogging per ragazzi e corsi di promozione del libro sul web per adulti. Collabora con “Il Foglio” e “Il Messaggero”.

MASSIMO ONOFRI

Massimo Onofri (1961) è scrittore, critico letterario e saggista. Docente di Letteratura Italiana contemporanea all’Università di Sassari. E’ stato  redattore di “Nuovi Argomenti”. Collabora con “L’indice dei libri del mese” e con “Avvenire”. Nel 2008 gli è stato assegnato il Premio Brancati per la sezione saggistica con La ragione in contumacia (Donzelli 2007). Ha vinto il Premio Fondazione De Sanctis nella sezione speciale della presidenza del Consiglio dei Ministri con L’epopea infranta. Retorica e antiretorica per Garibaldi (Medusa 2011). Tra le altre opere: Passaggio in Sardegna (Giunti 2015), Passaggio in Sicilia (Giunti 2016), Benedetti toscani (La nave di Teseo 2017), Isolitudini (La nave di Teseo 2019).

fare zona

VIDEOMAPPING 21:30 - 00:00 / Zona Conce
di Mirco Rinaldi. A cura di Pepe Lab in collaborazione con Nottenera Festival


Installazione video site specific che grazie alla luce ridisegna la superficie dell’edificio, dotandola di una nuova pelle animata capace di rivelarne elementi identitari, storici, estetici, dentro una imprevedibile narrazione che sorprende e sospende. L’architettura fisica del luogo si fa viva e la facciata acquisisce un dinamismo che non è una caratteristica intrinseca dell’architettura. La musica è parte integrante del gioco illusorio e del progetto video con il quale creerà effetti sinergici e sinestetici. La parete animata, arricchita da giochi architettonici tridimensionali, presenterà Zona Conce e i suoi tre fuochi, Fare Zona, Fare Arte, Fare Carta, narrando ciò che è presente e accade nell’intimità del palazzo.

MIRCO RINALDI

Mirco Rinaldi nasce a Jesi nel 1980. Laureato all' Accademia di Belle Arti di Bologna, sezione scultura, già nel suo percorso di studi si appassiona alle istallazioni video e si avvicina attraverso la stop motion all’elaborazione di animazioni e clip. Realizza video live per concerti che lo portano ad interagire e confrontarsi con ambienti e colleghi in ambito europeo. Come libero professionista ottiene una competenza a 360° nel settore video approfondendo le proprie conoscenze di animazione 3d, video editing, motion graphic, specializzandosi soprattutto nella tecnica del video mapping e nelle scenografie video per il teatro. Dal 2015 al 2017 partecipa come insegnante e tecnico in alcuni studi di comunicazione e stamperie 2D e 3D quali 3Jcube (AN), Creative Crew (BO), Flò (BO), Eliofossolo (BO), dal 2018 collabora con lo studio Voxel (BO) e con l’Orchestra Senzaspine / Mercato Sonato (BO) con cui progetta e realizza i Concerti Animati.

fare arte

Laboratorio
fare arte

10:00-12:00
Loggiato San Francesco

Folding Comet di Leonardo Petrucci. A cura di Marcello Smarrelli

L'OPERA

L’opera Folding Comet sarà una gigantesca cometa di oltre 5 metri di lunghezza composta di solidi geometrici, che imitano la struttura atomica cristallina del ghiaccio e dei frammenti di roccia che compongono il nucleo di questi affascinanti corpi celesti. I solidi geometrici saranno realizzati in carta Fabriano attraverso la tecnica dell’origami modulare, in uso in Giappone già dal XVIII secolo. La cometa si poserà sui nuovi spazi di Zona Conce il 31 ottobre 2020, giorno di inaugurazione al pubblico, per indicare un’epifania, la nascita e la rivelazione di un nuovo luogo per la cultura, crocevia di arte, artigianato e antichi saperi. Il laboratorio consentirà di realizzare una serie di solidi geometrici complessi, i quali andranno a completare l’opera dell’artista, riflettendo sulle affascinanti modalità di utilizzo della carta, materiale leggero ed effimero, ma allo stesso tempo resistente e stabile.

PRENOTAZIONI

Partecipazione gratuita su prenotazione. Max 20 posti

PRENOTA ORA IL TUO POSTO

OSPITI

MARCELLO SMARRELLI

Storico dell'arte, critico e curatore. Vive e lavora a Roma. Dopo aver conseguito la laurea in Storia dell'Arte all'Università di Roma "La Sapienza" e la Specializzazione in Archeologia e Storia dell'Arte Moderna e Contemporanea all'Università di Siena, si è dedicato allo studio dei rapporti tra estetica e pedagogia. Dal 2016 è Consigliere Artistico del Centro Arti Visive Pescheria – Pesaro. Dal 2014 è Curator at large presso la Fondazione Memmo a Roma. Dal 2011 è Direttore artistico della Fondazione Pastificio Cerere - Roma. Dal 2007 è Direttore Artistico della Fondazione Ermanno Casoli - Fabriano (An). Scrive per diverse riviste d'arte contemporanea, tra cui "Flash Art", "Exibart" e "Artribune". Ha ideato e tenuto diversi workshop per prestigiose aziende europee (Elica, Whirpool, Alliance, Angelini ecc.). Ha curato progetti e mostre d'arte pubblica sia in spazi privati che pubblici (Milano, Palazzo Reale, Roma Accademia di Francia Villa Medici, Roma, Palazzo Farnese, Pesaro, Musei Civici, Dammam, King Abdulaziz Center for World Culture, ecc. Ha partecipato a giurie per l'assegnazione di importanti premi d'arte contemporanea in Italia (Ariane de Rothschild Curator Prize Curator, selezionatore critico per il Premio della Fondazione Principe Pierre de Monaco, Premio Furla, Talent Prize). Nel 2014 il progetto E-STRAORDINARIO, ideato dalla Fondazione Ermanno è stato collocato al primo posto a "Cultura+Impresa".

LEONARDO PETRUCCI

Leonardo Petrucci (Grosseto 1986) si forma all’Accademia di Belle Arti di Roma, dove si laurea nel 2009 con una tesi sul rapporto tra arte e alchimia, ambito che ancora caratterizza la sua ricerca. Dal 2012 lavora nel suo studio presso il Pastificio Cerere nel quartiere di San Lorenzo a Roma. Ha esposto presso numerosi spazi espostivi, prendendo parte a mostre personali e collettive: Once Upon a Time (Gilda Lavia, Roma, 2019); 8 (Bibo’s Place, Roma, 2018); Rubedo (nm>contemporary, Principato di Monaco, 2018); The Light Hides The Lights (Fondazione Baruchello, Roma, 2016); Where is Dawn now? (Pastificio Cerere, Roma, in collaborazione con NASA, ASI, INAF, 2015); There Is No Place Like Home (Via di Valle Aurelia, Roma, 2015); You are here (Accademia di Romania, Roma, 2015); Antropofagia Simbiotica (Operativa Arte Contemporanea, Roma, 2014); Resolve et Scoagula, unconventional twins #1 (Studio d’Arte Pino Casagrande, Roma, 2011). Vincitore del Premio Internazionale Generazione Contemporanea del LUISS Creative Business Center (2017); Finalista al Talent Prize (MACRO, Roma, 2016). Partecipa ad Artissima (2019) con la galleria Gilda Lavia, a WOP ArtFair con la galleria nm>contemporary (2017), ad ArtVerona (2017) e ad Arte Fiera di Bologna (2016 e 2017) con la galleria Bibo’s Place.

fare arte

Conversazione
fare arte

17:00-18:30
Zona Conce

Conversazioni Fare Arte
Ettore Favini, Agostino Iacurci, Claudia Losi, Andrea Mastrovito, Sissi e Francesco Simeti riuniti
in uno speciale think tank raccontano il futuro della filigrana.
A cura di Marcello Smarrelli.
A seguire presentazione del Museo Edgardo Mannucci - Quirino Ruggeri a cura di Arianna Bardelli.

EVENTO IN LIVE STREAMING

PRENOTAZIONI

Sarà possibile visionare lo streaming anche in presenza nei seguenti punti di interesse della città,
su prenotazione:

Prenota il tuo posto presso Zona Conce Prenota il tuo posto presso Loggiato San Francesco Prenota il tuo posto presso Palazzo del Podestà Prenota il tuo posto presso Bar Ideale

OSPITI

MARCELLO SMARRELLI

Storico dell'arte, critico e curatore. Vive e lavora a Roma. Dopo aver conseguito la laurea in Storia dell'Arte all'Università di Roma "La Sapienza" e la Specializzazione in Archeologia e Storia dell'Arte Moderna e Contemporanea all'Università di Siena, si è dedicato allo studio dei rapporti tra estetica e pedagogia. Dal 2016 è Consigliere Artistico del Centro Arti Visive Pescheria – Pesaro. Dal 2014 è Curator at large presso la Fondazione Memmo a Roma. Dal 2011 è Direttore artistico della Fondazione Pastificio Cerere - Roma. Dal 2007 è Direttore Artistico della Fondazione Ermanno Casoli - Fabriano (An). Scrive per diverse riviste d'arte contemporanea, tra cui "Flash Art", "Exibart" e "Artribune". Ha ideato e tenuto diversi workshop per prestigiose aziende europee (Elica, Whirpool, Alliance, Angelini ecc.). Ha curato progetti e mostre d'arte pubblica sia in spazi privati che pubblici (Milano, Palazzo Reale, Roma Accademia di Francia Villa Medici, Roma, Palazzo Farnese, Pesaro, Musei Civici, Dammam, King Abdulaziz Center for World Culture, ecc. Ha partecipato a giurie per l'assegnazione di importanti premi d'arte contemporanea in Italia (Ariane de Rothschild Curator Prize Curator, selezionatore critico per il Premio della Fondazione Principe Pierre de Monaco, Premio Furla, Talent Prize). Nel 2014 il progetto E-STRAORDINARIO, ideato dalla Fondazione Ermanno è stato collocato al primo posto a "Cultura+Impresa".

ETTORE FAVINI

Ettore Favini nasce a Cremona nel 1974. Vive nella dimensione dell’ascolto di storie e narrazioni minori per nutrire opere che raccontano la relazione tra le persone e il loro ambiente. Le memorie, individuali e collettive, sono spesso al centro di un percorso che muove da ispirazioni autobiografiche per elaborare temi universali quali il tempo e l’esistenza. Le sue opere, che tendono a essere specifiche al luogo dal quale originano, sono il risultato di un lungo processo di crescita che ne fa degli organismi vivi, mai conclusi: dispositivi di visione aperti in cui l’opera partecipa alla vita e il fruitore diventa parte attiva dell’opera. E' stato recentemente premiato dalla Pollock Krasner Foundation di New York e dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo (MiBACT - DGCC) nell’ambito del progetto Italian Council. Ha vinto numerosi premi per residenze a livello internazionale e le sue opere sono state esposte in collezioni pubbliche nazionali e internazionali; alcune sono conservate in collezioni pubbliche quali: Museo del Novecento, Milano; Comune di Torino; Museo MAGA, Gallarate; Domaine départemental de Chamarande. Attualmente é in corso una sua personale presso il Carré d'Art Contemporaine di Nîmes. E' docente di Arti visive presso la Naba di Milano e Roma e presso l'Accademia G.Carrara di Bergamo.

AGOSTINO IACURCI

Agostino Iacurci (1986) vive e lavora a Berlino. Ha studiato Arti Visive e Incisione presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. I suoi lavori sono stati presentati in numerose personali tra cui: Tracing Vitruvio, Musei Civici Pesaro (2019); Gypsoteca, M77 Gallery, Milano (2018); Trompe l’oeil, Celaya Brothers Gallery, Città del Messico (2017). Ha inoltre partecipato a diverse collettive tra cui: Talent Prize 2019, Mattatoio, Roma (2019); Urban Art Biennale, Völkinger Hütte, European Centre for Art and Industrial Culture (2017); Cross the streets, Museo Macro, Roma (2017); FADA, House of Madness, The Watermill Center, New York, (2016); 16° Premio Cairo, Palazzo della Permanente, Milano (2015); From Street to Art, Italian Cultural Institute of New York (2015). I suoi murales monumentali sono presenti in tutto il mondo. Tra i progetti recenti: Principal Place, London (2020), BBDO Headquarter, Southbank, London (2018); Yakutsk Biennale, Yakutia (2017); Distrito Tec University, Monterrey (2016); Govind Puri Metro Station, New Delhi (2016); Istituto Mario Penna, Belo Horizonte (2015); Puerto Rico's Stadium, Bayamón (2015); “Fubon Art Foundation”, Taipei (2012). Ha collaborato con importanti brand internazionali tra cui: Adidas, Apple, Eni, MailChimp, Starbucks, TBWA, Vespa, Warby Parker. Le numerose collaborazioni editoriali includono: Einaudi, Interni Magazine, Laterza, Penguin Random House, Repubblica e The New Yorker. Nel 2019 ha ricevuto il Premio New York (2019-20).

CLAUDIA LOSI

Claudia Losi nasce a Piacenza nel 1971 e studia presso l’'Accademia di Belle Arti di Bologna e alla Facoltà di Lingue e Letterature straniere della stessa città. Nel 1998 partecipa al Corso Avanzato di Arti Visive presso la Fondazione Antonio Ratti, a Como; nel 2000 è tra i selezionati per l’International Studio Program P.S.1-New York. Tra le residenze d'artista si ricordano lo Studio Orta-Les Moulins, a Pargi, lo JCVA, in Israele, l’Art Omi International a New York e lo NTU CCA Singapore. Il suo lavoro trova nell’osservazione dell’ambiente, naturale e antropizzato, e nell’attenzione alle scienze naturali e umanistiche un riferimento costante. Attenta agli aspetti storici e antropologici dell’ambiente in cui viviamo, le interessa esplorare il concetto di narrazione attraverso l’arte e la scrittura creando, talvolta, nuove e temporanee comunità d’interazione umana e di condivisione di immaginari. Tra le recenti mostre personali figurano Monica De Cardenas, Zuoz-CH; Museo Carlo Zauli, Faenza; MAMbo, Bologna (2020); Ikon Gallery, Birmingham (2019) e Collezione Maramotti, Reggio Emilia (2016). Espone inoltre al La Maréchalerie, Versailles; al Museo MAXXI a Roma; al MAGASIN a Grenoble; alla Royal Academy a Londra; nel 2008 al Museo Marino Marini a Firenze e allo Stenersen Museum a Oslo. Conclude il progetto per Nuovi Committenti, promosso da Fondation de France and Urban2 Mirafiori Nord, a Torino. Nel 2007 partecipa alla Sharjah Biennial 8 negli Emirati Arabi Uniti e nel 2016 alla Hangzhou Triennial of Fiber Art in Cina. Dal 2004 sviluppa il progetto interdisciplinare e itinerante dal titolo Balena Project.

ANDREA MASTROVITO

Andrea Mastrovito (Bergamo, 1978) si è formato in Italia e vive tra Bergamo e New York. Il suo percorso si concentra sul disegno, alternando il lavoro in studio a interventi pubblici installativi e performativi, spaziando dall'intaglio murale, all'intarsio ligneo, dal collage al frottage, dalla vetrata alla videoanimazione. Tra le personali, Le Monde Est Une Invention sans Futur, Fondation Bullukian e 15° Biennale di Lione e Very Bad Things, La Galleria Nazionale a Roma (2019); Symphony of a Century, Kunsthalle, Osnabruck (2018); Here the Dreamers Sleep, Museo Andersen, Roma (2015); At the End of the Line, GAMEC, Bergamo (2014) e Le Cinque Giornate, Museo del Novecento di Milano (2011). Ha vinto nel 2007 il New York Prize, nel 2012 il Moroso Prize, nel 2016 il Premio Ermanno Casoli e nel 2019 l’Italian Council. Il suo lavoro da regista comprende i due film NYsferatu (2018) e I Am Not A Legend progetto vincitore della Sesta Edizione dell’Italian Council che è stato presentato in questi mesi a Magazzino Italian Art di Cold Spring. e con una personale a Palazzo Fabroni a Pistoia. Il suo lavoro è stato incluso in numerose istituzioni in Europa e Stati Uniti, tra cui Museum of Art and Design, New York; MAXXI Museo delle Arti del XXI secolo, Roma; Palazzo delle Esposizioni, Roma; Manchester Art Gallery, Manchester; B.P.S. 22, Charleroi; Museum of Contemporary Design and Applied Arts, Lausanne.

SISSI

Sissi è nata nel 1977 a Bologna. Vive e lavora a Londra. Ha studiato presso l’Accademia di belle arti di Bologna. Attualmente è docente presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Vive e lavora tra Londra e Bologna. Ha vinto numerosi premi tra cui: il Gotham Prize, presentato dal Ministero per gli Affari Esteri 2012; il Rome Prize, all'American Academy di Rome (2006); il Premio New York, Italian Academy of Columbia University, New York (2005), il Premio Furla per l’Arte (2002); il Premio Alinovi,GAM, Bologna, (2001). Le mostre personali includono: Vestimenti, Palazzo Bentivoglio (2019), Motivi ossei, (a cura di Maura Pozzati), Galleria d`Arte Maggiore, Bologna (2016), Estinti-Istinti, (a cura di Antonio Grulli), Galleria Tiziana Di Caro, Napoli, Manifesto Anatomico, Mambo Bologna Musei, Bologna, (2015); Volume Interno, Volume!, Roma, (2012); Addosso, Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano, (2010); Al di là dello sguardo la corda lega, Mizuma Gallery, Tokyo, (2008); Voliare, Gori Private Collection, Fattoria di Celle, Pistoia, (2007); Nature, Chelsea Art Museum, New York, 2006; Nidi, MACRO, Roma, (2004); The Walk, W139, Amsterdam, (2003); Aerea, MOCA, Miami, (2001).

FRANCESCO SIMETI

Francesco Simeti (1968, Palermo) vive e lavora a Brooklyn. Simeti è conosciuto per le sue installazioni site- specific realizzate attraverso un approccio multidisciplinare e utilizzando wallpaper, sculture e collage tridimensionali. Nelle sue opere presenta scene esteticamente affascinanti che ad uno sguardo più attento rivelano contesti più cupi. Simeti si appropria di immagini tratte da quotidiani e riviste modificandole digitalmente e le riarrangia creando pattern che associano a un forte appeal visivo un aspetto più critico sollevando domande sulla vera natura e il ruolo che questo immaginario ha nella società contemporanea. Ha presentato i suoi lavori in numerose gallerie, istituzioni e spazi espositivi in Italia e all’estero. Tra le sue mostre recenti Homemade, Magazzino Italian Art, New York, Eruzioni: Pompei e Santorini, Scuderie del Quirinale, Roma, Refugium , Assembly Room, New York, Big towers, ICA Singapore, Swell, Open Source Gallery, Brooklyn e Armed, Barbed and Halberd-Shaped, Milano. Le sue opere fanno parte delle collezioni di The Cooper Hewitt, National Design Museum, New York, The Philadelphia Museum, Philadelphia, The Victoria and Albert Museum, London, Civiche Raccolte Musei di Milano, Milano e Palazzo Belmonte Riso, Museo d’Arte Contemporanea, Palermo. Attualmente Simeti sta lavorando a diversi interventi d’arte pubblica tra cui i progetti per Chicago Transit Authority a Chicago e il Multnomah County Health Department Headquarters a Portland in Oregon. Dal 2010 collabora con l’azienda Maharam di New York.

ARIANNA BARDELLI

Arianna Bardelli, nata a Sassoferrato, dopo la maturità scientifica si iscrive all’Università degli Studi di Perugia, dove consegue prima la laurea triennale in Scienze dei Beni Storico-Artistici e successivamente la laurea specialistica in Storia dell’Arte, con relatore della tesi Antonio Natali, allora direttore della Galleria degli Uffizi. Dal 2008 lavora nel settore della gestione e della valorizzazione dei beni culturali con esperienze in realtà quali Firenze, Perugia, Arezzo, Urbino e Fabriano. Ha ricoperto incarichi nel settore dei servizi di accoglienza e didattici presso importanti istituzioni museali e ha avuto il ruolo di responsabile del coordinamento scientifico per la mostra “La Devota Bellezza”, curata da François Macé de Lepinay. Dal 2014 collabora con la Fondazione Carifac per l’organizzazione e gestione di eventi culturali.

fare arte

Mostra Concorso
Premio Mannucci

10:30-21:00
Palazzo del Podestà

A cura di Rotary Altavallesina - Grottefrasassi

DESCRIZIONE

Nell’ambito delle iniziative collaterali alla XXVII edizione del Premio Internazionale di scultura Edgardo Mannucci che il Rotary Club Altavallesina-Grottefrasassi ha organizzato per onorare la memoria dello scomparso scultore marchigiano Edgardo Mannucci, già socio onorario del Club stesso, è stata indetta la prima edizione del concorso intitolato Il Premio Mannucci incontra i giovani. Al concorso hanno partecipato gli studenti delle tre sedi di Fabriano, Jesi e Ancona del Liceo Artistico Mannucci. Il concorso è nato da una collaborazione con il prestigioso critico d'arte Prof. Stefano Papetti e dall’individuazione di un’opera di Mannucci dal titolo IDEA, 1984, di proprietà della Fondazione CARIFAC di Fabriano. Partendo da quest’opera, i partecipanti al concorso hanno prodotto un elaborato grafico secondo la propria creatività. In occasione della giornata di inaugurazione della mostra permanente Mannucci-Ruggeri, verranno esposti gli elaborati realizzati dai concorrenti presso il Palazzo del Potestà e verranno annunciati i vincitori del concorso.

16:30 premiazione vincitori

PRENOTAZIONI

Partecipazione gratuita su prenotazione. Max 40 posti

PRENOTA ORA IL TUO POSTO

fare arte

Infiorata
Quirino Ruggeri, Astratto

10:30-21:00
Chiesa Madonna delle Grazie

A cura dell’Ente Palio San Giovanni Battista

DESCRIZIONE

Nell’ambito delle tante iniziative proposte del Palio di San Giovanni Battista di sicuro l’infiorata è una delle più partecipate e sentite. I cittadini fabrianesi hanno riscoperto l’antica arte delle infiorate devozionali trasformandole in una forma d’arte. Dall’uso iniziale del fiore fresco per riprodurre tappeti geometrici, gli infioratori fabrianesi si sono specializzati nell’uso del fiore secco e nella realizzazione di infiorate artistiche e nella riproduzione di opere d’arte. Per l’occasione sarà realizzata l’opera di Quirino Ruggeri Astratto, 1950 - 1955 - olio su tela.

fare carta

Laboratori
fare carta

10:00-18:00
Loggiato San Francsco

WeeKenDoIt Box - Laboratori tematici sulla carta
a cura di Pepe Lab in collaborazione con WeeKenDoIt

10:00 - 12:00

Collage Fotografico – Da Fashion Advertising a Messaggio di Protesta – Doodle Art
a cura di Naomi Vona

Cosa succede quando trasformiamo lo scopo iniziale di una pubblicità di moda in qualcosa che abbia un messaggio più profondo e significativo? Durante questo evento darai un nuovo messaggio a queste pagine pubblicitarie, che sia controverso, divertente, personale ma pur sempre un nuovo e più strutturato messaggio di protesta. L'artista Naomi Vona vi guiderà durante questa sessione creativa, dandovi consigli tecnici sull'utilizzo dei materiali e delle tecniche di manipolazione dell'immagine. Tutti i materiali sono compresi, ma se avete delle riviste di moda a casa, portatele pure al workshop!

Partecipazione gratuita su prenotazione. Max 10 posti

PRENOTA ORA

15:00 - 18:00

It's only a paper moon
a cura di Giulia Civitico (Microamica)

Il laboratorio è un’esperienza per capire cosa c’è dietro alla tecnica del papercutting. Ogni partecipante si metterà alla prova e sfiderà la propria pazienza e precisione nel taglio. Durante il tempo a nostra disposizione, partendo da un semplice cartoncino, realizzeremo un elaborato disegno intagliato.

Partecipazione gratuita su prenotazione. Max 10 posti

PRENOTA ORA

15:00 - 18:00

Carta e pieghe | Quaderno perpetuo black
a cura di Les Friches

Ogni partecipante avrà l’occasione di realizzare il suo “Quaderno perpetuo black” che potrà personalizzare con semplici gesti e scoprendone le potenzialità, lo porterà via con se. Gli ingredienti saranno alcuni fogli di carta e un cartoncino nero, gli strumenti saranno le mani, il prodotto sarà il “Quaderno perpetuo black” che di volta in volta potrà rinnovarsi e contenere sempre nuovi gesti: qualche appunto, uno schizzo .. un messaggio...

Partecipazione gratuita su prenotazione. Max 12 posti

PRENOTA ORA

15:00 - 18:00

L'inchiostro che fluttua
a cura di Diana Eugeni, Sokio Design Studio

Il Sumi (inchiostro) nagashi (che fluttua) 墨流し è il nome dell'antica tecnica decorativa di marmorizzazione giapponese, che, con gesti semplici e rituali, e l'aiuto di soffi gentili crea disegni astratti sulla superficie dell'acqua che poi vengono impressi istantaneamente sulla carta. In questo workshop scopriremo insieme questa tecnica, che si distingue per i suoi tipici cerchi concentrici, creando delle stampe uniche molto suggestive

Partecipazione gratuita su prenotazione. Max 10 posti

PRENOTA ORA

OSPITI

NAOMI VONA

Naomi Vona (Desio 1982) è una artista sperimentale italiana che vive a Londra. Il suo progetto creativo é focalizzato sulla manipolazione di immagini pre-esistenti, con lo scopo di trasformare radicalmente il loro significato originale. Naomi si definisce una "parassita di archivi", ma senza cattive intenzioni.

GIULIA CIVITICO

Giulia Civitico nasce a Maniago nel 1987. Ed è proprio il coltello il simbolo che si porta dietro per la vita; con le lame esprime la sua creatività sia sulla carta che in cucina. Frequenta l’Istituto d’Arte in Friuli per poi spostarsi nelle Marche, dove vive tutt'ora, per frequentare l’ISIA di Urbino e diplomarsi in Grafica e Comunicazione Visiva. Dopo una prima esperienza con le varie tecniche di incisione e di stampa continua a sviluppare le proprie idee grazie agli strumenti da taglio prediligendo la cellulosa come base per i suoi lavori. La tecnica che utilizza si chiama "papercutting" che in italiano significa "intaglio della carta": da un semplice cartoncino, grazie all'utilizzo di taglierini da modellismo, nascono immagini oniriche e piene di riferimenti a varie influenze artistiche. Il colore prediletto è il nero, che aiuta il gioco di contrasti tra pieni e vuoti.

LES FRICHES

Associazione culturale che promuove creatività e manualità attraverso la progettazione di attività formative e laboratoriali per bambini ed adulti, ma anche etichetta di prodotti di eco-design, “pezzi unici” ideati, progettati e realizzati a mano.

DIANA EUGENI

Sokio Design Studio è un officina creativa che si occupa di graphic design e artigianato. Cura progetti su misura per eventi ed edizione limitate ed organizza workshop creativi in tutta Italia.

fare arte

Museo Edgardo Mannucci
Quirino Ruggeri

18:30-21:00
Zona Conce

Apertura al pubblico

fare arte

Atelier Temporaneo
d'artista

10:30-18:30
Zona Conce

di Marco Goran Romano

DESCRIZIONE

Illustrazioni di carta. Lo scopo del laboratorio è quello di introdurre i partecipanti al mondo dell’illustrazione mediante la tecnica del collage e del paper cutting, attraverso la realizzazione di disegno tridimensionale realizzato interamente di carta.

PRENOTAZIONI

Partecipazione gratuita su prenotazione.

PRENOTA ORA LA TUA PARTECIPAZIONE

OSPITE

MARCO GORAN ROMANO

Marco Goran Romano è un illustratore e visual artist che vive e lavora a Jesi (AN). Dal 2011 al 2015 ha lavorato all’interno della redazione di WIRED magazine, a Milano, e successivamente ha fondato lo studio Sunday Büro. Nel 2011 è stato inserito nella lista dei 10 migliori giovani designer stilata dal settimanale americano Adweek. In quegli stessi anni il suo lavoro è stato più volte premiato dalla Society of Publication Designer di New York, da Communication Arts, Applied Arts e Creative Quarterly. Inoltre è stato nominato da Print magazine come uno tra i 20 Under 30 - New Visual Artists del 2014, mentre nel 2018 gli è stata conferita la medaglia d’oro per l’illustrazione (categoria Design) da parte dell’Associazione Autori di Immagini. Nel corso della sua carriera ha avuto modo di collaborare con brand nazionali ed esteri come Facebook, Google, IBM, IKEA, Internazionale, La Repubblica, Le Monde, Snapchat, Skype, Starbucks, The New York Times, The New Yorker, The Wall Street Journal e il celebre settimanale TIME. All’attività progettuale e artistica affianca anche quella didattica presso l’Istituto Europeo di Design di Torino e il Nuovo Istituto di Design di Perugia.

fare carta

Conversazione
fare carta

15:00-16:30
Zona Conce

Conversazioni sul sapere artigianale e creativo
dell’utilizzo e produzione della carta: tradizione e innovazione.

EVENTO IN LIVE STREAMING

INTERVENTI

Moderatore
Gigliola Marinelli

Dalle Cartiere Miliani Fabriano al Gruppo Fedrigoni
Chiara Medioli, Vicepresidente Gruppo Fedrigoni

Il ruolo determinante di Fabriano nello sviluppo della carta: dalla carta araba alla carta italica.
Luigi Carlo Bennati, amministratore unico Carifac’Arte

Zona Conce: FARE CARTA
Sandro Tiberi, mastro cartaio di ZONA CONCE

Atelier temporaneo d’artista
Marco Goran Romano

Provincia, non periferia
Paolo Manfredi, consulente, docente universItario, autore del libro “Provincia non periferia. Innovare le diversità italiane”

PRENOTAZIONI

Sarà possibile visionare lo streaming anche in presenza nei seguenti punti di interesse della città,
su prenotazione:

Prenota ora il tuo posto presso Zona Conce Prenota ora il tuo posto presso Loggiato San Francesco Prenota ora il tuo posto presso Palazzo del Podestà Prenota ora il tuo posto presso Bar Ideale

OSPITI

GIGLIOLA MARINELLI

Gigliola Marinelli, giornalista e direttore dell’ emittente Radio Gold Fabriano. Nata a Fabriano, laureata in giurisprudenza presso l’ Università di Camerino, dal 2011 è conduttore, speaker e giornalista radiofonico di programmi di approfondimento politico, culturale e sociale. Dalla nascita di Radio Gold ha organizzato, moderato e condotto eventi cittadini, convegni, festival e spettacoli di intrattenimento musicale e culturale. Collaboratore del settimanale diocesano L' Azione, nel suo spazio settimanale de" L’ Intervista" ha dato voce alle principali realtà e personaggi del comprensorio fabrianese e ad importanti figure del panorama culturale, musicale, informativo e politico nazionali.

CHIARA MEDIOLI

Presidente della Fondazione Fedrigoni Fabriano (da maggio 2018). Lavora da anni nel mondo della carta, seguendo la progettazione di carte di qualità dall’impasto fino al loro utilizzo finale per il mercato grafico e del packaging. Direttore Marketing del Gruppo Fedrigoni e dal 2018 Vice Presidente della fabric (BC) SpA, holding del gruppo Fedrigoni. Dal 2002 ha gestito i negozi FABRIANO, per i quali ha progettato molti articoli in carta, pelle e stoffa. Dal 2009 è anche Direttore Marketing di Fedrigoni S.p.A, e della divisione Fabriano. In precedenza si è occupata di editoria elettronica e stampa digitale per Bertelsmann AG, fondando la società Booktailor, sulla base di un brevetto internazionale da lei sviluppato, e di organizzazione aziendale per Vodafone. Autrice dei libri Botteghe Oscure (Hestia, 1998) e Roma (Touring Club Editore, 2006). Chiara Medioli è laureata in Economia e Commercio alla Ca’ Foscari (Venezia), e ha ottenuto un MBA con full scholarship da INSEAD (Fontainebleau).

LUIGI CARLO BENNATI

Luigi Carlo Bennati nasce a Castiglione del Lago (PG) nel 1940. Attualmente è Camerlengo della «Pia Università dei Cartai» associazione che divulga e tramanda l’Arte della Carta con l’intento di alimentare la memoria storica delle generazioni future. Ha ricoperto il ruolo di Direttore di Produzione dello Stabilimento di Pioraco delle Cartiere Miliani Fabriano per poi divenirne Direttore del Personale. Ha ricoperto la carica di Sindaco del Comune di Cerreto d’Esi dal 1975 al 1980. Attualmente fa parte del CdA della Fondazione Fedrigoni Fabriano. Dal 2018 è Amministratore Unico della Carifac Arte srl, società strumentale della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana.

SANDRO TIBERI

Sandro Tiberi è un artista, esperto nella fabbricazione della carta a mano, insegnante e consulente alla Scuola Internazionale dei Mestieri d’Arte di Fabriano Carifac’Arte. Organizza e partecipa a Mostre ed Eventi. È stato Presidente nazionale delle Arti varie di Confartigianato. Ha scritto un libro: “Incontro con la carta” edito da Chiaredizioni. Sono usciti articoli su di lui e sul suo lavoro sulle principali testate giornalistiche nazionali e su diversi giornali internazionali. Presente in vari programmi televisivi e documentari su canali nazionali e internazionali, la TV nazionale giapponese NHK ha girato un documentario su di lui. Ha insegnato in centinaia di workshop nelle principali Accademie delle Belle Arti: Venezia, Bologna, Roma, Perugia, Macerata, nelle scuole secondarie e primarie, in associazioni culturali e a scopo di reinserimento sociale. Ha collaborato con le principali attività museali sulla carta in Italia, è socio della Pia Università dei cartai e socio onorario della La Fondazione Fedrigoni Fabriano.

MARCO GORAN ROMANO

Marco Goran Romano è un illustratore e visual artist che vive e lavora a Jesi (AN). Dal 2011 al 2015 ha lavorato all’interno della redazione di WIRED magazine, a Milano, e successivamente ha fondato lo studio Sunday Büro. Nel 2011 è stato inserito nella lista dei 10 migliori giovani designer stilata dal settimanale americano Adweek. In quegli stessi anni il suo lavoro è stato più volte premiato dalla Society of Publication Designer di New York, da Communication Arts, Applied Arts e Creative Quarterly. Inoltre è stato nominato da Print magazine come uno tra i 20 Under 30 - New Visual Artists del 2014, mentre nel 2018 gli è stata conferita la medaglia d’oro per l’illustrazione (categoria Design) da parte dell’Associazione Autori di Immagini. Nel corso della sua carriera ha avuto modo di collaborare con brand nazionali ed esteri come Facebook, Google, IBM, IKEA, Internazionale, La Repubblica, Le Monde, Snapchat, Skype, Starbucks, The New York Times, The New Yorker, The Wall Street Journal e il celebre settimanale TIME. All’attività progettuale e artistica affianca anche quella didattica presso l’Istituto Europeo di Design di Torino e il Nuovo Istituto di Design di Perugia.

PAOLO MANFREDI

Paolo Manfredi è responsabile delle Strategie digitali di Confartigianato Imprese, un centro di competenza nazionale a sostegno della trasformazione digitale delle imprese artigiane e delle microimprese, e della rete dei Digital Innovation Hub di Confartigianato, un sistema nazionale di strutture a servizio della transizione delle imprese artigiane al 4.0. Osservatore dei fenomeni che riguardano la trasformazione della manifattura italiana nell’era digitale, ha partecipato e curato negli ultimi anni alcune mostre che hanno fatto il punto su questi processi: la sezione biciclette della “New Craft”, la mostra temporanea “Bespeaking” all’interno di New Craft (con Giulio Ceppi), la mostra “The Bicycle Renaissance” alla Triennale di Milano. Nel 2016 ha pubblicato il libro “L’economia del su misura” (Marsilio), nel 2019 il libro “Provincia non periferia. Innovare le diversità italiane” (Egea). È autore del blog “Grimpeur: scalare la montagna dell’innovazione inclusiva” per Nova 100 - Il Sole 24Ore.